Proverbi sardi sull’amore e il matrimonio

Pobidda e giusu , in logu tusu
Moglie e giogo, del tuo paese

Neu in cara , dai su maridu amada; neo in bossu , dai su marido e cojppu
Neo in viso, amata dal marito; neo(livido) nel dorso, colpo del marito

Pro male cojuada, mezus una persona sepultada
Pittosto che male sposata è meglio essere morta

Maridu cantadore , muzere furunciula
Marito tirchio, moglie ladra

A banca et a murere accostabili bene
Alla tavola e alla moglie accostati bene

Qui servit a muzere , o meda male o meda bene.
Chi è schiavo della moglie, (sta ) troppo male o troppo bene

Fonte: S.Loi Proverbi Sardi, Giunti Martello, Firenze 1984


Cojadu mi so: miali ero, miali so.
Mi sono sposato: Michele ero, Michele rimango

Marido e muzere, basadebos bene
Marito e moglie baciatevi bene

Maridu iscosidu, muzere istruddada
Marito cencioso, moglie senza abilità, senza cura, poltrona

Brigas de Maridu et muzere dai lectu e cadrea.
Liti di marito e moglie durano dal letto alla sedia(cioè durano poco)

Fonte G.Spano, Proverbi Sardi, Illisso, Nuoro 2003

Maridu auzenu columpu paret
Il marito altrui sembra un colombo

Muzere manna merrat maridu
Una moglie più anziana del marito gli evita di commettere sbagli

Amore e signoria no cheren compagnia
L’amore e il potere non tollerano comproprietà

Amore e tussiu non si poden mare
L’amore e la tosse non si possono nascondere

A cujare bicheret recatu e no bi cheret sa melalidone
Per sposarsi occorrono sostanza, non bastano le bacche di corbezzolo

Fèmin neada dae su maridu amata
La donna che ha nei è amata dal marito

P. Pillonca, Narat su diciu, proverbi del popolo sardo, Edizioni della Torre, Cagliari, 1995

Sa pobidda de su furoi ponidi sa padedda senzè pezza
La moglie del ladro mette là pignatta al fuoco prima porti la carne – Si dice di chi fa castelli in aria

Amore e signoria non ciccanta cumpangia
Amore e comando non vogliono compagnia – Cioè, sono sempre gelosi quelli che amano e che comandano

Amai e non essi amau esti tempus perdiu
Amare e non essere corrisposto, è tempo perduto

Chi de amore si chesciada, de arrabbiu si moridi
Chi si duole d’ amore, di rabbia muore

Amore e tùssi non si podiri cuai
L’ amore e la tosse non si possono nascondere

S’amori nou ci bogada su becciu
L’amor nuovo caccia il vecchio

Cando cumandat sa muzere, maridu iscalzonadu.
Quando nella casa comanda la moglie, il marito perde i pantaloni.