I vari tipi di fede nuziale

Un antico significato della fede nuziale si può ritrovare nell’antica Roma dove l’uomo, durante gli sponsalia, (cerimonia solenne nelle quale si compiva la promessa di matrimonio) regalava alla donna un anello: l’anulus pronubus, il quale consisteva in un semplicissimo cerchietto in ferro che poi, solo successivamente, diventò in oro. Questo dono rappresentava simbolicamente una sorta di catena che suggellava il destino della sposa a quello della sposo. Infatti, una volta infilato l’anello al dito, la ragazza manifestava concretamente il suo impegno a rispettare il patto di fedeltà nei confronti del fidanzato. L’anello veniva infilato nel quarto dito della mano sinistra, l’anulare appunto, dove si credeva che da qui passasse una vena che arrivasse dritta al cuore. Così questo dito diventò il digitum fidei (dito della fede) e gli anelli nuziali vennero poi così chiamati fedi.
Col passare dei secoli, la fede nuziale entrò a far parte del rito del matrimonio il cui scambio divenne un simbolico atto di promessa e unione reciproca.
La fede deve essere di materiale nobile e può essere in oro scelta tra le varie tonalità di oro: giallo, rosa, bianco e in platino. Tra le varie tipologie ricordiamo:

fede classica. E' generalmente richiesta per la sua semplicità e per la sua finezza.
Realizzata senza brillanti o pietre preziose, è larga all’incirca 4 mm con una grammatura variabile dai 3 ai 10 grammi. L’interno dell’anello è totalmente piatto per essere molto confortevole.

fede detta francesina. E' sottile, tonda e leggermente bombata; si presenta  semplice ed essenziale ed' è disponibili in varie grammature.

fede mantovana. E' forse uno dei modelli, dopo la fede classica, più noti
La mantovana è molto simile alla comoda ma più larga, infatti è anche detta “fede larga”.

fede bicolore E' costituita da due cerchi intrecciati, sormontati o affiancati in oro giallo e bianco; varia nei colori e nei disegni, producono piacevoli effetti.

fede comoda Possiede oltre una bombatura esterna, anche una interna all'anello e questo comporta una indossabilità migliore ed un confort straordinario. E' priva di saldature ed interruzioni ed' è ricavata da un unico blocco di oro. E' disponibile in oro bianco e giallo e in varie larghezze.

La tradizione preferisce che sia il testimone maschio a portare le fedi in chiesa, mentre, alla mamma della sposa spetta il compito di fornire il cuscinetto porta-fedi.
All’interno della fede gli sposi possono far incidere i loro nomi e la data del matrimonio. Per custodire le fedi sino al giorno del sì, è necessario un piccolo scrigno per il testimone a cui sarà affidato fino alla cerimonia.
Bisogna fare attenzione a non far cadere le fedi, ma se ciò dovesse accadere, gli sposi abbiano cura di farle raccogliere solo dal celebrante.

 

Lascia un commento

Enter Captcha Here : *

Reload Image