Elisabetta Delogu e l’abito da sposa come forma di espressione artistica


Elisabetta Delogu è forse la più conosciuta e apprezzata stilista di abiti da sposa in Sardegna, nata a Cagliari, dove ha studiato al liceo Artistico, si è trasferita a Sassari per frequentare L’Accademia delle Belle arti. Dopo varie esperienze nel mondo dell’arte apre il suo primo atelier in Via Roma e sviluppa il suo lavoro sartoriale, fortemente influenzato dalla sua passione per l’arte, in un continuo crescendo di successi sia in terra sarda che all’estero.

Riesco a fissare un appuntamento in un periodo dell’anno particolarmente intenso per lei: la consegna degli abiti per le spose, uno shooting fotografico per Elle, i continui viaggi a Milano nel suo nuovo atelier di Via Bianca Maria.

Elisabetta è una donna profondamente carismatica e molto pratica alla quale piacerebbe fare sempre qualcosa in più, come se tutto l’impegno e la dedizione che ripone nelle sue creazioni non fossero mai abbastanza. Se è pur vero che la perfezione non esiste, nel caso di Elisabetta Delogu e del suo lavoro gli si avvicina molto.

Esiste per lei un momento di stacco o discontinuità nel quale fermarsi a ricaricare le batterie?
No, non ha senso per me staccare, senza la possibilità di creare non sarei me stessa, e mi annoierei da morire, il riposo per me è stare a casa, libera dalle scadenze e dagli impegni per poter pensare al mio lavoro e alle mie creazioni, questo per me significa ricaricarsi .
Elisabetta si divide dunque tra l’Atelier storico di Sassari e quello aperto nel dicembre del 2015 a Milano dove incontra personalmente le proprie spose. È una donna che ama occuparsi di tutto, dalle foto alla sartoria e al laboratorio.

Come gestisce il suo lavoro, riesce a delegare?
Faccio fatica a delegare, non fa parte della mia forma mentis; oggigiorno nelle scuole specializzate esistono corsi che mirano a formare aziende dove ognuno ha il proprio ruolo, io rimango un’artigiana.
Se avrete occasione di ammirare i suoi abiti capirete facilmente il senso delle sue parole, la cura e la passione che si riversano in ogni abito ne fanno un oggetto irripetibile. L’attitudine è quella di una mano che cura tutto il processo di nascita e crescita delle proprie creazioni, preservando la coerenza e l’eccezionalità di un prodotto unico. I suoi modelli esprimono uno stile romantico decadente e un’ispirazione di arte retrò che avvolge di fascino e personalità ogni particolare.

Qual è la prima persona che ha creduto in lei?
Sicuramente mio nonno, il primo che mi ha regalato un cavalletto per dipingere e mi ha fatto conoscere l’arte ma soprattutto mi ha dato la libertà di essere me stessa. L’arte in tutte le sue forme è per me fonte di ispirazione, come il cinema, la musica; gli abiti da sposa possono diventare dunque delle vere e proprie sculture o dei dipinti su tessuti preziosi.

La contaminazione è la cifra stilistica delle sue collezioni, dove la cerca?
“La contaminazione è la Sardegna stessa, la sua terra e le sue radici luogo di mescolanze e unioni. Noi sardi dovremo solo ricordare quanto le nostre tradizioni siano il frutto di culture diverse, perché dove c’è contaminazione si crea la bellezza.

In una vita dedicata al lavoro come la sua, sente di aver trascurato qualcosa?
“Non ho avuto figli, ma non per questo sento un vuoto da colmare o mi sento una donna non completamente realizzata. Mi sentirei poco realizzata se non potessi dar spazio alla mia creatività e occuparmi della mia passione e del mio lavoro “ mi dice senza indugi.

Come riesce a non perdere mai la vena creativa?
“In alcuni momenti dell’anno molto concitati può capitare che le distrazioni mi impediscano di concentrarmi sul processo creativo ma in realtà il lavoro per me è un esercizio, l’attività diventa lo stimolo costante per alimentare il cervello e produrre idee”.

A fine intervista ci salutiamo e le chiedo cosa dovrà fare, mi risponde con un elenco lunghissimo di impegni e poi, con un sorriso mi dice che tre volte alla settimana ha lezione di danza classica, un momento tutto per sé. La scelta della danza classica non mi stupisce, guardando lei e le sue spose non può altro che confermare la predisposizione per la disciplina e l’eleganza che si riflette in lei e in ogni cosa che fa.

Il segreto del successo probabilmente sta nell’essere se stessi, nell’impegnarsi costantemente per raggiungere i propri obiettivi e nell’amore per quello che si fa, tutte doti che Elisabetta spontaneamente esprime in ogni aspetto della sua vita.

 

Elisabetta Delogu Bridal designer
via Roma 99 Sassari
viale  Bianca Maria, 45  Milano
elisabetta.delogu@gmail.com
http://www.elisabettadelogu.it